© Lammers-Koll-Verlag 2010 - 2012 Yoga Heinz Grill, Bernhard Spirkl  Lo yoga e il regno dei defunti - Il divenire di una “nuova volontà yoga”  Dalla prefazione:  I pensieri di base della “nuova volontà yoga” tracciati in questo opuscolo con alcuni contributi, non si rifanno alla tradizione dello yoga classico. Hanno le loro radici nell’esoterica occidentale, dalla quale all’inizio del 20° secolo è sorta anche l’antroposofia di Rudolf Steiner. Il messaggio essenziale della una nuova volontà yoga è il rinnovarsi dell’uomo mediante il rafforzamento dell’io e l’attivazione delle forze dell’anima, cioè del pensare, del sentire e volere. Quando nei seguenti contributi (nel seguente contributo) ci si interessa ai diversi maestri e modi di esercizio, in primo piano c’è sempre l’impegno per una nuova fondazione dello yoga in occidente, e non l’intenzione di sminuire in qualunque modo le attività spesso eccezionali che esistono già in questi ambiti. Specialmente nel campo dello yoga oggi troviamo spesso l’asserzione che “tutti i sentieri conducono allo stesso scopo”, e in tanti congressi e convegni si pone l’accento sull’“unità nella varietà” dello yoga. Il mio parere è però che questa maniera di unificazione senza distinzione in realtà non è promettente per l’avvenire. Al suo posto potrebbe subentrare una percezione reciproca delle varie espressioni dello yoga, e una sorta di dialogo, come quello coltivato da Otto Albrecht Isbert negli anni sessanta del secolo scorso. Isbert è uno dei padri fondatori dello yoga in Germania e prese parte alla fondazione del BDY (unione tedesca degli insegnanti di yoga). Egli proponeva sempre e nuovamente di guardare agli elementi che collegano e non così tanto a quelli che separano, ma neppure si asteneva dalla critica costruttiva, quando un determinato sviluppo nello yoga gli appariva poco fruttuoso o addirittura in opposizione all’immagine dell’uomo libero, che per lui era la definizione dello scopo dello yoga. In questo senso auguro ai lettori di questo opuscolo una lettura ricca di conoscenza e spero che il libretto infatti sia in grado di fornire elementi  significativi per un dialogo tra le varie espressioni dello yoga in occidente. Bernhard Spirkl ISBN 978-3-941995-93-2 Brossura, 1 a  edizione 2010 90 pagine, 12,00 € Tirumalai Krishnamacharya Otto-Albrecht Isbert Vishnu Devananda Swami Sivananda